Come far durare a lungo il legno massello?

Il legno massello è un materiale di grande pregio, molto ricercato per le sue qualità: le sue sfumature cromatiche sono particolarmente intese e vivide, la superficie presenta imperfezioni come tagli e nodi che rendono unica la tavola e che gli appassionati sanno riconoscere come elementi ricchi di fascino anziché imperfezioni, ed è considerato particolarmente durevole.

Se infatti pensiamo che travi di legno sostengono da centinaia di anni alcuni dei monumenti più impressionanti dell’umanità non si può che ammirare la tenacia e la resistenza di questo materiale: il massello poi proviene dalla parte più centrale dell’albero e quindi risulta essere ancora più durevole di altre tipologie di legname.

mobili in legno massello

Le creazioni in legno massello quindi spiccano sia per il valore estetico che per la loro resistenza: un mobile così realizzato troneggerà nell’abitazione per decine di anni, impreziosendo l’ambiente e valorizzando l’arredamento; in questo così lungo periodo di tempo, si potrà osservare anche l’evoluzione delle sfumature cromatiche: a seconda del tipo di legname, con lo scorrere degli anni e l’esposizione a luce e ad altri fattori ambientali si potrà osservare una variazione nelle tonalità della superficie.

Ci sono però alcuni fattori che rischiano di danneggiare anche il legno più pregiato e durevole.

Tra i maggiori nemici del legname troviamo:

  • I tarli, insetti le cui larve si cibano della polpa del legno per crescere e raggiungere la forma adulta, indebolendo la struttura generale del manufatto e lasciando dei fori di circa 2 millimetri quando lo abbandonano; per difendersi da questi insetti, il modo migliore è impedire la deposizione delle uova con superfici levigate o trattate con smalti/resine/vernici che eliminano le fenditure utilizzate dalle femmine; se il legno è già infestato, insetticidi appositi possono eliminare le larve senza danneggiare il legno;
  • I funghi possono alterare la colorazione del legno, senza però intaccare le proprietà meccaniche, oppure farlo marcire, compromettendolo completamente; attenzione all’umidità che è la migliore amica dei funghi! In caso di infestazione, esistono fungici appositi per il legno, mentre trattamenti come vernici o cere aiutano a prevenire che il problema si presenti in primo luogo;
  • Certi legni sono più sensibili ad acqua e umidità, subendo rigonfiamenti o altre alterazioni dimensionali; pur essendoci trattamenti per limitare questi effetti, è sconsigliato la collocazione all’esterno di alcune varietà di legname, come acero, noce, ciliegio, o pero.

mobili in legno massello

Bisogna anche valutare la durezza del legno: quelli più duri resistono maggiormente agli urti che può subire la superficie, permettendo di conservarla intatta il più a lungo possibile nonostante l’utilizzo quotidiano.

Se si vuole giocare sul sicuro si può scegliere tra abete rosso, cedro e mogano, che sono considerati i legni più durevoli in assoluto.

Conoscendo le caratteristiche del legno e i trattamenti a cui si può sottoporre, si potrà scegliere la varietà di legname più duratura e godere delle creazioni in legno massello anche per generazioni.

Scegliamo solo i legni più pregiati per realizzazioni su misura adatte a ogni gusto e ambiente: scopri di più contattandoci.

update your browser